La Domanda

I cieli si oscurarono, i mari si alzarono,
la nave circolare uncinata, con le ali retrattili,
si posizionò a mezz’aria emettendo segnali telepatici a tutta la popolazione.
Fu il proclama, tutti vennero informati che loro due sono i regnanti sulla Terra ma prima dovevano recarsi dai creatori per un training di riconoscimento.
Mi presero, presero anche lei, fummo teletrasportati sulla nave madre e mi stupii un poco quando mi trovai faccia a faccia con uno che sembrava proprio me stesso, uguale, solo che brillava di una luce nobile e costosa, vestito in alta uniforme, abiti di tessuti così preziosi che sulla Terra non ne esistono. Ed anche lei si trovò di fronte sé stessa, stesse impressioni di somiglianza ma di luce maggiore, la Regina.
“Siete noi, siete le nostre copie, i nostri alter ego sulla Terra, vi ci mandammo migliaia di anni fa per sperimentare una durissima esperienza, così che la facemmo anche noi, da sempre connessi con voi, anche se in luoghi diversi dell’universo ed ora siete pronti per ricordare chi siete!”
Poi ci divisero, nelle stanze imperiali, io feci una conversazione con me stesso, il Re, ad un tavolino e bevemmo il drink più buono che abbia mai bevuto, mi fece un effetto indescrivibile, energia pura, poesia, forza, lucidità, onnipotenza; “Non chiedermi di cosa è composto, mi disse me stesso, non ti farebbe piacere saperlo” e lo bevvi con estrema soddisfazione “sono privilegi destinati ai reali, sono bevande costosissime nel nostro mondo, non immagini quante vite umane siano costate…”
Poi mi disse che mi avrebbe lasciato alle dee di corte per la preparazione del mio corpo, così sporcato e consumato dalle vite sulla Terra, doveva essere riportato ai fasti regali prima del momento della nuova creazione, prima dell’incontro con lei, in quelle stanze della nave imperiale, per ricordarci entrambi chi siamo, per dimenticare ogni istante della vita sulla terra, ogni persona che lì conoscemmo, solo noi contavamo e dovevamo esserci solo noi e procreare, dando luogo alla prosecuzione della stirpe dei regnanti.
Poi ci avrebbero riportato sulla Terra, non si sà cosa e chi avremmo trovato là, forse la popolazione mondiale di molto ridotta, forse il post-diluvio, forse nessuno tranne gli animali e la vegetazione forse avremmo dovuto essere i nuovi Adamo ed Eva…

… Lei conversava con sé stessa, con la Regina, davanti due bicchieri di quello che poteva sembrare champagne e di quello che poteva sembrare cibo vegetale ma era tutto di un buono indescrivibile, che così buono non esiste sulla Terra e ad ogni sorso, ogni boccone, si sentiva rinascere di una pulsione eterea ma potentissima, il corpo da dentro, l’anima le brillava e potè sentirsi come appena uscente dall’utero della madre, vite su vite nuove, nascite su rinascite in un tripudio di benessere ed onnipotenza.
Le venne in mente la Terra e disse alla Regina: “Ma la mia famiglia vecchia e la mia famiglia nuova, i miei cari, gli amici?”
Con occhi confortanti e sapienti, la Regina la guardò e le disse: “Tu non eri quella. Tutto quello che hai vissuto e fatto sulla Terra sono errori concatenati, scelte fatte per colpa dell’ignoranza di chi sei, di chi sei sempre stata, delle persone e delle cose che ti circondavano ma non preoccuparti, se vorrai, potrai riverderli…”…

… Lui ha disconosciuto tutti e tutti sulla Terra, riconosce come unico padre sé stesso, che poi è mio marito, il Re, qui su Nibiru, Lui conosce il dolore di esser guardato da occhi terrestri… anche tu conoscerai quel dolore e saprai chi sei, da sempre e per sempre, imparerai a capire cos’è il sangue Reale, conoscerai la Dinastia, imparerai le differenze tra te e i terrestri e saprai qual è il tuo compito sulla Terra, cioè Regnare…

… Centinaia di migliaia dei vostri anni fà, modificammo le scimmie innestandogli i geni dell’intelligenza raziocinante. Perchè questo era il progetto, ovvero la prima fase del progetto, l’intelligenza ha lavorato per il nostro obiettivo, per determinare lo sviluppo tecnologico, l’incremento della popolazione, una popolazione che doveva costruire tecnologie e benessere, doveva espandersi.
Conosciamo bene l’intelligenza razionale, l’abbiamo creata noi, prima di dotarne i terrestri, sappiamo che giunta ad un certo momento, diventa un abominio, pericolosa per sé stessa e per il pianeta; svolto il suo compito, adesso dobbiamo eseguire un altro intervento radicale…

… E’ la catena alimentare, mia cara, è la piramide evolutiva.
Abbiamo creato per le vostre limitate menti questo gioco in cui si nasce, si lavora, si fà sesso e si muore, questa prigione che difendete perfino con il vostro sangue perchè, in fondo, vi piace…
Piacerebbe anche a noi vivere un gioco così bello come quello della vita sulla Terra, tanto che alcuni di noi, per una vacanza di qualche centinaio di vite, ci vanno.
Noi non abbiano nulla dei diversivi che avete voi sulla Terra, non abbiamo il tempo, non abbiamo lo spazio, non abbiamo la morte, ci annoiamo un po’ ma questa è la nostra esistenza da regnanti.
Il vostro vero compito è quello di utilizzare le sostanze grossolane, quelle che voi chiamate materia e di traformarle in sostanze sottili e preziose, di cui noi ci nutriamo e che fondano l’essenza del nostro business.
Quando lavorate, quando giocate, quando fate sesso, in ogni istante delle vostre vite, generate queste sostanze, invisibili ai vostri sensi e noi ce ne appropriamo, per mantenere il nostro status ed anche per mantenere in esistere il vostro caro gioco, perchè è costoso mantenerlo, sai?
Così nascete, vi alimentate di sporcizia materiale, vi inaridite e morite, per poi ricominciare con altre vite a fare le stesse cose, dimenticando ogni volta tutto…

Nessuno ti dirà che essere Regina sia facile,
vedrai e saprai cose che nessuna mente umana è in grado minimamente di sopportare, avrai responsabilità di tutto quello che accade sulla Terra;
a questo punto potrei farti la domanda: vuoi esserla?
Ma io sono qui, la Regina, di fronte a te, a farti la domanda e ti sembra di trovarti di fronte allo specchio, io sono te stessa, forse puoi immaginare la risposta che mi darai…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...